Consultazione pratiche Registrazione ed Accreditamento Help Desk
Per accedere ad alcuni servizi è necessario registrarsi Accedi

MODIFICA ART. 38 DELLE NTA DEL PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE

Con la DGR n.1196 del 16/10/2017 la Regione Marche ha inteso modificare l’articolo 28 delle NTA del Piano di Tutela delle Acque (Deliberazione Amministrativa dell’Assemblea Legislativa Regionale n. 145 del 26/01/2010) in materia di acque reflue assimilate alle domestiche.
Tra le principali novità si evidenzia che per gli scarichi di acque reflue assimilate alle domestiche recapitanti in pubblica fognatura, comprese tra queste anche le acque reflue dei servizi igienici da insediamenti adibiti ad attività di produzione di beni e servizi, non corre l’obbligo di richiedere alcuna autorizzazione allo scarico ai sensi dell’art 124 comma 1 del D.Lgs 152/06 e pertanto neppure di richiedere l’AUA in sostituzione del titolo abilitativo ambientale di cui all’art.3 comma 1 letta) del medesimo decreto, costituito dall’autorizzazione allo scarico.
La disciplina degli scarichi di acque reflue assimilate alle domestiche recapitanti in pubblica fognatura, in base alle modifiche dell’art.28 delle NTA proposte, esce quindi dal regime dell”’autorizzazione” e viene assoggettato al regime della “comunicazione”.
Pertanto, in relazione alla proposta di modifica dell’art 28 delle NTA ed in adempimento al DPR 59/13 art 3 comma 3, è fatta salva la facoltà del gestore di avvalersi dell’AUA nel caso in cui l’attività svolta presso lo stabilimento produca esclusivamente uno scarico di reflui assimilati ai domestici recapitanti in pubblica fognatura, fermo restando l’obbligo di presentare la comunicazione alle autorità competenti per il tramite del SUAP. ” gestore deve invece obbligatoriamente avvalersi dell’AUA nel caso in cui lo svolgimento dell’attività necessiti dei titoli ambientali soggetti ad autorizzazione ed indicati dal DPR 59/13 art 3 comma 1. In tal caso la comunicazione resa per lo scarico di acque reflue assimilate alle domestiche recapitanti in pubblica fognatura, se prevista, deve essere compresa nell’istanza di AUA.

torna all'inizio del contenuto